Oncologia

Oncologia veterinaria

L’oncologia veterinaria è una branca della medicina veterinaria che va acquistando sempre maggior importanza nella pratica clinica di tutti i giorni. Importanza legata anche al nuovo ruolo che ha assunto il pet nell’ambito della famiglia, da animale domestico a vero e proprio membro della famiglia.

Il ruolo del medico veterinario oncologo è quello di saper indirizzare correttamente i proprietari ad affrontare la malattia del proprio animale nel migliore dei modi, sia da un punto di vista terapeutico che da un punto di vista prognostico.

La diagnosi di neoplasia si basa su una accurata valutazione clinica, supportata da esami di laboratorio e dalla diagnostica per immagini (esame radiografico, ecografico ed eventualmente TC).
Per la diagnosi definitiva ci si avvale normalmente dell’esame citologico o bioptico dei tessuti patologici sui quali si possono eseguire un gran numero di colorazioni anche con anticorpi specifici (immunoistochimica).
Per alcuni tipi di tumore la chirurgia, dopo un’attenta valutazione del soggetto, rappresenta ancora la prima scelta e può essere considerata curativa.
Per altri tipi di neoplasie questo non vale e spesso alla chirurgia, quando fattibile, devono essere associati altri trattamenti, si parla allora di approccio multimodale al tumore.

Questi trattamenti sono solitamente la chemioterapia, la radioterapia, una combinazione delle due oppure le nuove terapie a bersaglio molecolare (inibitori delle tirosinkinasi) o la chemioterapia metronomica.
Spetta all’oncologo, insieme al proprietario, stabilire la strategia migliore per il pet. Infatti anche in veterinaria si cerca sempre di più di creare dei protocolli “cuciti” sul pet per quel determinato tipo di neoplasia

Condividi con i tuoi amici!