endoscopia

Endoscopia
=  dal greco “endo” + “skopein” = guardare dentro con uno scopo

L’endoscopia è una branca innovativa della medicina veterinaria che permette di avere molte informazioni sul nostro animale ed i suoi organi interni senza essere invasivi.

Non prevede infatti “tagli “, cicatrici, nè  interventi chirurgici, ma utilizza le normali aperture del corpo ( bocca, naso, orecchio…) per entrare, osservare e/o intervenire sull’organo interessato.
Quello di cui l’endoscopia necessita è solo di una anestesia generale, perché il paziente non abbia percezione dell’esame, stia fermo, ma soprattutto non si spaventi.

Si può applicare su molti apparati : Respiratorio, Gastroenterico, Urinario e Auricolare.

Lo scopo è cercare patologie “interne”, senza altre cause apparenti, e quando possibile risolverle subito.
E’ utile per esempio per:

  • trovare e rimuovere corpi estranei ( da esofago, stomaco, naso, orecchio, trachea, polmoni)
  • raccogliere campioni ( biopsie intestinali, lavaggi bronchiali..) per analizzare la causa profonda del problema e cercare la terapia giusta
  • scoprire la vera natura di masse, polipi, neoformazioni e/o rimuoverle
  • inserire sondini alimentari gastrici
  • trattare infezioni, dilatare restringimenti anomali ecc..

E’ quindi molto utile per cercare la causa di sintomi ricorrenti, persistenti o cronici che non passano con le normali terapie, ma anche di quelli acuti, particolarmente forti e/o urgenti  ( Tosse, Vomito, Diarrea, Starnuti, Scolo o Sanguinamento nasale, Otiti, Cistiti, polmoniti, gastroenteriti ricorrenti).

Inoltre l’endoscopia ha una particolare utilità per la prevenzione e diagnosi  della SINDROME BRACHICEFALICA:

è una patologia dovuta alle alterazioni anatomiche tipiche delle razze a muso corto e schiacciato:  Bulldog, Carlini, Boston terrier, Pechinesi, Shitzu, Cavalier King, Yorkshire, Boxer, Mastiff, ne sono i maggiori rappresentanti canini, mentre Persiano, ed Exotic quelli felini.

Questi animali nascono con alcune alterazioni anatomiche delle vie respiratorie, che si aggravano con l’aumentare dell’età fino a diventare invalidanti e ridurre molto le aspettative di vita del soggetto , e spesso i sintomi sono presenti  fin da molto giovani!
I sintomi più comuni sono il respiro rumoroso e il russare,e  spesso sono accompagnati da apnee notturne, tosse , narici strette, frequenti infezioni respiratorie, scarsa sopportazione del caldo, scarsa resistenza all’ esercizio fisico, vomito e rigurgito.
L’endoscopia, in quanto non invasiva, può essere effettuata anche su animali molto giovani, e va a vedere quali sono le alterazioni anatomiche maggiori, valutandone la gravità PRIMA che queste diventino irreversibili, permettendo la pianificazione di un intervento chirurgico basato sulle necessità di ogni soggetto, che gli regala una vita degna di essere vissuta senza il rischio di soffocare!

Per qualsiasi informazione rivolgersi allo Staff dell’Ospedale veterinario San Concordio

Condividi con i tuoi amici!